Amore e psiche



Amore e Psiche



EROS

Invia testo Invia
EROS

Volevo solo un`avventura,
festeggiare la primavera,
come un turbinýo
di petali profumati
dietro un fienile.
Una ventata d`aprile.

Ma tu arrivasti rapito,
dolcemente ansante,
mi chiamasti subito "AMORE"
e fu amore ardente.
E la testa mi girava
e il desiderio cresceva.
Ti accarezzavo con passione
e mi accarezzavi con stupore,
e percorrevi tappa a tappa,
con la bocca ardente,
tutte le valli,i fiumi,
i laghi e le colline
del mio corpo tremante.

E bevemmo a lungo nella coppa del Dio Eros,
mescolando assieme sospiri,
carezze,lacrime di gioia,
sapori e umori.
La mia schiena rovesciata all`indietro era tesa
come un arco,
i capezzoli inturgiditi
e offerti al piacere.

Volevo solo giocare all`avventura,
festeggiare la primavera,
ma un terremoto scosse le radici
del mio ventre,
un brivido mi salý
fino alle spalle,
e l`anima si aprý,
con la voce nella gola,
a valle.

IRIS

Invia questo testo Invia questo testo



Articoli correlati:
IL SERPENTE CHE DANZA
GIORNI DEL 1896
ALL`INGRESSO DEL CAFFE`
LA LORO ORIGINE
IL CANTO D`AMORE