Amore e psiche



Amore e Psiche



INCAZZATA CON DIO

Invia testo Invia
Sono incazzata con te, Dio. Sono sempre
stata credente, in fondo; anche se ho
cominciato a pregare, ad essere
realmente fedele da quando ho 17 anni, i
miei genitori mi hanno trasmesso quel
sentimento di fiducia in te fin da quando
ero una bimba. Ed io non ne ho mai
dubitato. Mai, fino al 3 ottobre 2016.
Dopo quel giorno sono andata in chiesa
raramente, sono tornata in comunità, ho
partecipato alla solita convivenza
annuale, ho cercato di riprendere in
mano la mia solita routine, ma nulla.
Non provo più nulla per te, Dio.
Qualcosa in me si è spento
definitivamente. E` strana come
sensazione da spiegare e non credere che
sia facile ammettere una cosa del genere,
per me. Io vorrei credere ancora in te,
nelle tue opere, ma più ci provo, più non
ci riesco.
Ho studiato filosofia al liceo, per tre anni
ed ho appreso le teorie di numerosi
filosofi anticristiani, i quali sviscerano la
dottrina cristiana per svalutarla; tuttavia
ciò non ha mai fatto vacillare la mia fede.
Pensavo di affrontare il problema in
questo modo: ammesso che le teorie di
tali studiosi fossero vere, noi non
potremmo sapere se effettivamente
esista l`Onnipotente o meno finché siamo
in vita, quindi per migliorare la nostra
morale sarebbe comunque conveniente
credere in Dio, anche solo per avere un
metro di giudizio o di confronto per
perfezionare il nostro operato
esistenziale.
Nel momento in cui ho visto per l`ultima
volta il suo volto;
nel momento in cui hanno messo il
coperchio;
nel momento in cui ho ascoltato, o
meglio, assorbito, il rumore acido del
trapano che conficcava i chiodi nel legno;

è come se nel mio cuore si fosse lacerato
qualcosa.
In quegli istanti ho davvero realizzato il
dolore sordo e stridente, il dolore cieco,
freddo, assoluto di chi si ritrova
impotente di fronte alla perdita
prematura di una persona cara.
Avrei voluto spaccare il cielo.
Avrei potuto strapparmi un braccio,
togliermi un occhio, ma nulla mi avrebbe
fatto tanto male al cuore quanto la
consapevolezza di averla persa per
sempre.
Lei era guarita, Cristo santo. Era guarita,
ce l`aveva fatta, porca troia.
Lei voleva andare in montagna a
capodanno, voleva andare a Barcellona
con me, voleva andare a Firenze, in
Sicilia, a rivedere la sua Roma, voleva
fare la logopedista, voleva accarezzare di
nuovo i suoi gatti, andare al mare, avere
10 figli e sposarsi. Mio Dio, sognavamo
da quando avevamo 3 anni i nostri
matrimoni! Sarebbe stata la mia
damigella, la zia dei miei bambini, la
madre dei miei nipoti.. Quanti ricordi..
Quante giornate ad immaginare i nostri
fidanzati futuri, i nomi dei nostri figli,
come saremmo state da vecchie. Perché
non te la sei presa subito, mio Dio?
Volevi darci una lezione? Volevi
mostrarci quanto meravigliosa era Anna?
Quanta forza ha avuto nell`affrontare un
cancro? Quanto coglioni siamo noi
umani, che diamo sempre la salute e
l`amore verso i propri cari per scontati?
Ok, bèh, grandissimo. Avresti potuto
benissimo farlo senza che lei, persona
innocente, ne pagasse le conseguenze in
modo così brutale, a meno di un passo
dalla guarigione.
La mia fede in Dio è terminata quando
hanno chiuso la bara di una ragazza di 19
anni.
Probabilmente non riesco ancora ad
accettarlo, in fondo sono passati poco più
di due mesi, ma sono stati i primi due
mesi senza te, oh Dio, e questo mi fa
paura. Se ci fosse un modo per rendere
reversibile il mio cambiamento, lo farei,
ma non so come comportarmi,
considerando il fatto che (sì, lo scriverò
di nuovo) non ho più fiducia nei tuoi
confronti. La mia fede si è spenta perché
in me è nata la convinzione che, forse, è
vero ciò che i filosofi scrivono; è vero che
l`uomo si è "inventato" un Dio per
trovare risposte a domande che,
altrimenti, gli avrebbero corroso l`anima;
è vero che, probabilmente, l`uomo si è
"costruito" un Dio per fuggire di fronte al
dolore provocato dalla morte.
In realtà, penso ora, Anna (come ogni
altro defunto) non ha più un corpo. Anna
non potrà mai più fare tutto quello che
aveva desiderato ardentemente
compiere. Anna è là, sotto terra, con le
labbra viola, le ossa distrutte a causa
degli interventi estremi dei medici, il viso
macchiato per la setticemia, i capelli
cortissimi a causa dei farmaci
chemioterapici.
Se qualcuno mi viene a dire che in realtà
ora Anna è in paradiso e sta meglio, io
non ci credo più. Fa stare meglio noi,
suoi parenti, suoi amici, ritenere che
Anna ora sia in pace, che un giorno la
potremo riabbracciare; ciò ci mette nella
cosiddetta "pace dei sensi". Ma se
consideriamo i fatti accaduti, la verità è
un`altra. La verità è che Anna non esiste
più. E` che la vita di Anna è stata
stroncata, che il suo cuore, la sua anima,
ci hanno salutato quel 3 di ottobre.
Quante volte ho pensato che avrei potuto
esserci io al posto suo.. io che non so
minimamente cosa fare della mia vita,
che non ho programmi, perchè mi merito
di stare qui? E` Dio? Perchè?
Non lo so.. non so più nulla..
l`adolescenza per me dovrebbe quasi
essere terminata, e invece è la prima
volta in vita mia in cui mi sento
estremamente disorientata..
Sono, però, più di tutto incazzata nera.
Incazzata per non riuscire a più vedere
crescere a fianco a me la mia Anna,
incazzata per non poterle mai più dire
quello che il mio orgoglio ha sempre dato
per scontato: "ti voglio bene, Annuccia".
E mi mordo l`anima se solo penso a
quanto pirla sono stata.
Ma tu, Dio, in tutto questo che fai? Per
dirmi che sono una stronza egoista devi
farmi pentire ogni giorno per il resto
della mia vita di non aver detto quella
semplice frase? Che cazzo di senso ha
tutto questo? Perchè hai fatto pagare a
lei quello che ora stai facendo capire a
me? Lei è davvero stata solo una sorta di
"strumento" per farci "svegliare fuori"
tutti quanti?! Mi viene la nausea al solo
pensare queste cose..

Sono incazzata, Dio. Vorrei parlarti, ma
non ti trovo più.

Tua, incazzata, Valentina

Invia questo testo Invia questo testo



Articoli correlati:
IL VERO AMORE
LA FELICITA`
L`AMORE E` PAZZERELLO
L`AMORE E L`ATTESA
AMORE ED EPIDEMIE