Amore e psiche



Amore e Psiche



Il Prete siciliano

Invia testo Invia
Barzelletta







Un prete siciliano viene trasferito a Milano. La prima domenica in cui celebra una messa fa la sua predica.
Allora fratelli, oggi vi parler˛ di Adamo ed Eva.
Adamo, bravo picciotto, lavuraturi, servu di Dio, SICILIANU era. Eva, bo****na, pr*****ta del diavolo, tentatrice, MILANESE iera!
Al che tutti si lamentano, per cui il Vescovo chiama il prete e gli raccomanda vivamente di non dare mai pi¨ interpretazioni della Bibbia di quel genere, se non vuole essere trasferito. Il prete giura che non ripeterÓ pi¨ un errore del genere. La domenica successiva.
Allora cari confratelli, oggi vi parler˛ di Abele e Caino. Abele, ca ci facýa i sacrifizi a Dio, onesto, picciottu ammodo, degnu figghiu i so patri, SICILIANU iera. Caino, traditore, figghiu i so matri, fratricida connutazzo, MILANESE iera!
Si ripetono le scene della domenica precedente e stavolta il vescovo si presenta anche lui al prete e gli dice di avere intenzione di cacciarlo dalla cittÓ.
Il prete garantisce e promette, finchŔ il vescovo non si convince e gli consente l`ultima prova, a patto che non pronunci mai pi¨ le parole Siciliano o Milanese.
La domenica successiva: Fratelli, oggi vi parler˛ dell`ultima cena! ...e Cristo disse: "Picciutteddi beddi, vaiu a diri ca in veritÓ unu ri vuautri mi tradirÓ!"
Scende lo sconcerto fra gli apostoli. San Pietro: "Signuruzzu beddu, ca piccasu sugnu iu?" "No, no, `n si tu. Tu si nu bravu picciottu devoto". San Giovanni: "Che sugnu iu, allora, Signuruzzu miu?" "No, no, nun si mancu tu, nun ta` prioccupare". Al che, Giuda dice: "UelÓ Signur, sar˛ minga mi?"




La nuova fiamma

La Pensione

Il passaggio

A cena dai suoceri

La Rana ed il Cavaliere

Incontro in Ascensore

I Sette Nani

Il Rodeo









Invia questo testo Invia questo testo



Articoli correlati:
Carabinieri e pena di morte
In fondo al mare...
Nel convento...
Carabinieri allo specchio
Le donne e Dio